"Chi dice che è impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo" – Albert Einstein.

Standard organizzativi di riferimento dei servizi dedicati per le persone affette da disturbo autistico- 10/1/2011

DECRETO 10 gennaio 2011..

L’ASSESSORE PER LA SALUTE

Visto lo Statuto della Regione;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e

successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto 1 febbraio 2007, con cui sono state

approvate le linee guida di organizzazione della rete assistenziale

per persone affette da disturbo autistico;

Viasto il decreto n. 733/07 del 2 maggio 2007, con cui

nell’istituire il tavolo tecnico sull’autismo sono stati definiti

i compiti e la composizione;

Visto il decreto n. 1018/10 del 14 aprile 2010, con il

quale è stata rivisitata la composizione del suddetto tavolo

tecnico;

Visto il documento elaborato dal tavolo tecnico con

cui sono definiti gli standard organizzativi di riferimento

delle strutture dedicate, già individuate dalle suddette

linee guida, che cooperano alla definizione diagnostica ed

alla presa in carico dei soggetti autistici secondo logiche

assistenziali di rete;

Ritenuto di doversi procedere all’approvazione di

detto documento ad integrazione del decreto 1 febbraio

2007;

Decreta:

Art. 1

Per le motivazioni di cui in premessa, sono approvati

gli standard organizzativi di riferimento dei servizi dedicati

per le persone affette da disturbo autistico di cui all’allegato,

che costituisce parte integrante del presente decreto.

Art. 2

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta

Ufficiale della Regione siciliana.

Palermo, 10 gennaio 2011.

RUSSO

Allegato

STANDARD ORGANIZZATIVI SERVIZI DEDICATI

Le linee guida di organizzazione della rete assistenziale per persone

affette da disturbo autistico, approvate con decreto 1 febbraio

2007 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana n. 9

del 23 febbraio 2007, danno indicazioni sulla realizzazione di un progetto

regionale rivolto alle persone con disturbi dello spettro autistico,

in tutte le fasi del loro ciclo di vita, ed alle loro famiglie, allo scopo

di migliorare il livello qualitativo degli interventi rivolti a questa particolare

categoria di utenti.

Tra l’altro, individuano servizi, organizzazione e sistemi d’intervento,

con l’obiettivo di garantire una presa in carico dei pazienti

secondo modalità sufficientemente validate e nel rispetto delle raccomandazioni

tecniche-operative contenute nelle linee guida elaborate

da Società scientifiche accreditate.

Il suddetto documento d’indirizzo identifica i servizi che cooperano

alla definizione diagnostica e alla presa in carico di questi

pazienti, secondo logiche assistenziali di rete.

Tra questi rivestono rilevanza particolare quelli dedicati, sia per

il ruolo che assumono all’interno della presa in carico, sia perché

nella nostra realtà regionale hanno avuto poca possibilità di realizzazione.

Le strutture dedicate garantiscono offerte assistenziali specifiche

e presentano modalità di funzionamento peculiari. È apparso

quindi indispensabile definire per queste strutture standard organizzativi

propri, stante la difficoltà di estrapolarli da quelli individuati

per strutture che assicurano gli stessi livelli assistenziali, ma ad utenti

con caratteristiche cliniche e bisogni assistenziali profondamente

diversi.

Pertanto si definiscono, di seguito, gli standard organizzativi di

riferimento per:

a) centri per la diagnosi ed il trattamento intensivo precoce;

b) centri diurni;

c) comunità residenziali.

Si ritiene opportuno sottolineare che le suddette strutture dedicate,

comunque configurate sul piano amministrativo e gestionale,

dovranno funzionare in rete con le altre strutture assistenziali che

partecipano alla presa in carico e gli interventi da loro garantiti

dovranno rientrare all’interno del programma di trattamento individualizzato,

di cui resta titolare l’U.O. territoriale di riferimento del

paziente.

Il suddetto programma deve rappresentare il riferimento univoco

della presa in carico, al fine di dare coerenza agli interventi complessivi

effettuati, che non potranno limitarsi al luogo di cura, ma a

tutti gli ambienti di vita dell’utente al fine di generalizzare le acquisizioni,

favorire il loro mantenimento e promuovere l’autonomia e la

qualità di vita dei fruitori dei nostri servizi.

Centro per la diagnosi ed il trattamento intensivo precoce

(5.4.1 Linee guida)

Figure professionali previste:

• Medico (Neuropsichiatra infantile)

• Psicologo c/o pedagogista

• Assistente sociale

• Operatori per interventi educativi/abilitativi (educatore, logopedista,

neuro psicomotricista, terapista occupazionale)

• Addetto assistenza alla persona (OSA).

Tuffi i dirigenti e gli operatori preposti agli interventi

educativi/abilitativi devono aver acquisito specifici attestati formativi

e documentate esperienze nell’ambito dei disturbi dello spettro

autistico, nonché essere in grado di applicare interventi educativi

validati ad orientamento cognitivo-comportamentale (ABA, PECS,

TED, TEACCH, PSICOMOTRICITÀ).

Destinatari della struttura sono bambini di età compresa tra 1 e

6 anni.

La struttura deve assicurare tendenzialmente almeno 10 trattamenti

giornalieri.

COPIA TRATTA DAL SITO UFFICIALE DELLA G.U.R.S.

NON VALIDA PER LA COMMERCIALIZZAZIONE

42 25-2-2011 – GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA – PARTE I n. 9

Per ogni utente si prevedono inquadramento diagnostico, valutazione

multidimensionale, intervento intensivo integrato ambulatoriale

e domiciliare, parent training e follow up mensile.

Le attività complessive di valutazione e trattamento per ciascun

bambino avranno una durata di circa 4 ore al giorno.

Ciascun ciclo di trattamento avrà durata variabile (trimestrale,

semestrale) con possibilità di ripetere il ciclo in base ad una pianificazione

degli interventi, elaborata tenendo conto delle specifiche esigenze

di cura di ciascun bambino.

Nella tabella sottostante viene indicato l’impegno orario settimanale

minimo delle singole figure professionali.

Figura professionale | Ore settimanali

Medico NPI | 12

Psicologo e/o pedagogista | 76

Assistente sociale | 6

Operatori per interventi educativi/riabilitativi | 180

Addetto assistenza alla persona (OSA) | 36

Centro diurno (5.4.3 Linee guida)

Figure professionali previste:

• Medico (Neuropsichiatra infantile/Psichiatra)

• Psicologo e/o pedagogista

• Supervisore esterno

• Assistente sociale

• Operatori per interventi educativi/abilitativi (educatore, logopedista,

neuropsicomotricista, terapista occupazionale, terapista

della riabilitazione psichiatrica)

• Addetto assistenza alla persona (OSA)

• Infermiere professionale

• Istruttore attività (maestro d’arte)

• Collaboratore amministrativo

Tutti i dirigenti e gli operatori preposti agli interventi

educativi/abilitativi devono aver acquisito specifici attestati formativi

e documentate esperienze nell’ambito dei disturbi dello spettro

autistico, nonché essere in grado di applicare programmi e metodologie

di intervento validate, come esplicitato nelle Linee guida.

Destinatari della struttura sono ragazzi, adolescenti e giovani

adulti con disturbi dello spettro autistico.

La struttura potrà accogliere fino a 20 utenti e dovrà garantire

un’apertura di 8 ore al giorno per 5 giorni la settimana (lun-ven).

Per ogni utente si prevedono: valutazione multidimensionale,

intervento integrato e follow up periodici. Si suggerisce una organizzazione

delle attività in moduli per fasce di età: a) modulo di 10 utenti

in età scolare, con durata di trattamento di 4 ore al giorno; b)

modulo di 10 utenti adolescenti e giovani adulti, con durata di trattamento

di 8 ore al giorno.

Ciascun ciclo di trattamento avrà durata variabile con possibilità

di ripetere il ciclo in base ad una pianificazione degli interventi,

elaborata tenendo conto delle specifiche esigenze di cura di ciascun

bambino.

In alternativa, potrà prevedersi l’attivazione di centri diurni per

utenti in età scolare e adolescenti-giovani adulti, ciascuno con una

recettività non superiore a 10 posti.

Nella tabella sottostante viene indicato l’impegno orario settimanale

minimo delle singole figure professionali per centri di 20 posti.

Figura professionale | Ore settimanali

Medico NPI/PS | 12

Psicologo e/o pedagogista | 38

Supervisore esterno | 1

Operatori per interventi educativi/abilitativi | 252

Assistente sociale | 3

Addetto assistenza alla persona (OSA) | 72

Infermiere professionale | 5

Istruttori attività | 38

Collaboratore amministrativo | 8

Comunità residenziale (5.4.4 Linee guida)

Figure professionali previste:

• Medico (neuropsichiatra infantile/psichiatra)

• Psicologo c/o pedagogista

• Supervisore esterno

• Assistente sociale

• Operatori per interventi educativi/abilitativi (educatore, neuropsicomotricista,

terapista occupazionale, logopedista, terapista

della riabilitazione psichiatrica)

• Addetto assistenza alla persona (OSA)

• Infermiere professionale

• Istruttore attività (maestro d’arte)

• Addetto alla pulizia e servizi alberghieri

• Collaboratore amministrativo

Tutti i dirigenti e gli operatori preposti agli interventi

educativi/abilitativi devono aver acquisito specifici attestati formativi

e documentate esperienze nell’ambito dei disturbi dello spettro

autistico, nonché essere in grado di applicare programmi e metodologie

di intervento validate, come esplicitato nelle Linee guida.

Destinatari della struttura sono adolescenti e giovani adulti con

disturbi dello spettro autistico.

La struttura avrà una dotazione di 10 posti, con possibilità di utilizzare

due posti aggiuntivi per situazione di emergenza extraclinica.

Si dovrà garantire un’assistenza continuativa (tutti i giorni della

settimana per 24 ore al giorno).

Nella tabella sottostante viene indicato l’impegno orario settimanale

minimo delle singole figure professionali.

Figura professionale | Ore settimanali

Medico NPI/PS | 12

Psicologo e/o pedagogista | 38

Supervisore esterno | 1

Operatori per interventi educativi/abilitativi | 252

Addetto assistenza alla persona (OSA) | 180

Assistente sociale | 3

Infermiere professionale | 21

Istruttori attività | 40

Addetto pulizia locali e servizi alberghieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.