"Chi dice che è impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo" – Albert Einstein.

FILIPPO MESSINA: UNA CARENZA CHE NON SI COLMA CON L’OCCHIO AL FUTURO

Il disorientamento iniziale dinanzi all’anomalo atteggiamento del figlio, Massimiliano,  è divenuto, nel tempo,  supina accettazione della situazione. Un tiro mancino giocatogli dalla sorte che Filippo Messina, 69 anni,  pensava di parare tramite sedute psicologiche, inadeguate, invece, per  convertire quel  deficit. Filippo Messina, però, non demorde e, pur consapevole delle difficoltà,  continua a intravedere nel lavoro il simbolo del riscatto per il suo amato figlio.

Filippo Messina, dunque, premettendo che la gravidanza e il parto  della moglie, Santina Troia, 61 anni. scorsero senza alcun intoppo, accenna al periodo neonatale e  si sofferma, poi,  sull’infanzia di Massimiliano. “Visto che da neonato era un bambino sereno, che accettava di buon grado il latte e dormiva tranquillamente – dice – io e mia moglie non avemmo motivi di allarmarci. Non appena Massimiliano frequentò l’asilo comunale, ci accorgemmo, invece, che il bambino schivava la compagnia e attestando la scarsa disponibilità dell’insegnante di prendersene cura, lo iscrivemmo in un asilo privato. I guai più seri cominciarono alla scuola elementare,  dove lo scarso profitto di Massimiliano ci indusse a richiedere un insegnante di sostegno, così come avvenne durante la frequentazione delle scuole medie. Consultammo, così, vari specialisti ognuno dei quali ritenne che si trattasse  di ritardo mentale. Soltanto, successivamente, fu  elaborata la  più completa diagnosi  di ritardo mentale e  autismo. Avevo pensato che portarlo da uno psicologico gli avrebbe potuto giovare, ma mi  è stato specificato che non costituisce la giusta terapia. Così mi sono rassegnato all’impossibilità di guarigione per mio figlio in cui  tanto speravo. Massimiliano, conseguita la licenza media, ha frequentato l’Ipsia fino al terzo anno.  Non ha voluto proseguire, perché, come mi ha spiegato successivamente, si sentiva preso in giro dai compagni.  Quando suonava la campanella, spesso,  si tratteneva ancora  in classe, aspettando che uscissero tutti, per evitare che lo deridessero.”.

Filippo Messina, poi, ci illustra per sommi capi lo stile di vita del figlio. “Complessivamente – dice –  è abbastanza tranquillo: esce da solo, sbriga alcune commissioni per  conto mio e di mia moglie, va dal medico a ritirare le ricette, fa la spesa, e non teme la confusione. Va a trovare specialmente la domenica il suo amico Fabrizio e frequenta settimanalmente il gruppo fotografia al  Dipartimento di igiene salute mentale. Spesso, comunque, esce con me e mia moglie, e tutti e tre nel week-end quando è possibile andiamo a mangiare la pizza. Certamente, si annoia molto e da padre mi piacerebbe che trovasse  un impiego per  guadagnare un salario anche minimo  e tenersi occupato.”

Infine, Filippo Messina, ci rivela qualche tratto caratteriale del figlio. “Nonostante sia solito partecipare  alla conversazione incentrata su fatti ordinari,  ad un certo punto interrompe il discorso, sviandolo sulle sue questioni private, come ad esempio il  gradimento per  la cantante italo-americana, Ariana Grande. Non ama, poi, essere contraddetto e di tanto in tanto va su tutte le furie per un nonnulla.”

 

Lucia Corsale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.